MICHELE
ANTONINI
SPORT & LIFE
COACH

Risposte a dubbi, domande e perplessità ( N°2 )

Eccoci alla seconda parte, dove rispondo a domande dubbi e perplessità che possono sorgere a proposito di questa professione

Il Coaching è una moda, quasi anche le piante fanno il Coach

Oggigiorno purtroppo la parola “Coach” viene utilizzata in svariati settori e nella maggior parte dei casi non rappresenta assolutamente la professione vera e propria, e questo crea molta confusione; noto spesso che la gente ha una visione differente di quello che fa questa figura professionale. Un altro problema è che esistono corsi che permettono di ottenere certificati da “Coach” dopo aver fatto pochissimi giorni di lezione: in questi casi la persona non ha avuto il giusto tempo materiale per maturare l’esperienza, renderla sua e diventare un vero professionista. Sono convinto che non basti qualche giorno per fare propria una professione così delicata come quella del Coach; la mia formazione è durata 3 anni e so che è solo l’inizio di un grande cammino, durante il quale sarà importante la continua frequentazione di corsi specifici di perfezionamento per mantenere un'elevata qualità.    

IlCoach non capirebbe, la mia situazione è troppo complessa e difficile.

Infatti, è proprio così: il Coach non deve necessariamente capirti, ma il suo compito è quello di ascoltare attivamente e fare delle domande, grazie alle quali tu possa vederti e interpretarti in modo diverso dal solito, per raggiungere quello che vuoi. Certe situazioni possono essere molto complesse e difficili, tuttavia se si inizia a cercare con un minimo di motivazione, utilizzando un protocollo funzionale, allora si può scoprire che si possono percorrere anche altre strade per trovare quello che si cerca o da cui si fugge. Non possiamo cambiare l’esperienza che abbiamo avuto, ma il significato che le diamo sì.

È troppo complesso per me, mi tengo i problemi che ho, tanto so che posso sopportarli, basta che non peggiorino.

Quando siamo accerchiati da problemi grossi è molto difficile trovare la luce che ci scaldi. Allora può succedere che rimaniamo con quello che abbiamo pensando che non abbiamo proprio nulla, ma stiamo almeno respirando. Il problema è che questo atteggiamento nel lungo periodo ci logora senza che ci accorgiamo di quando in realtà ci sta facendo male giorno dopo giorno. Una delle funzioni del Coach è quella di aiutare il cliente a splendere, aiutandolo a fare quei passi che servono per avviarsi verso la luce. Il suo approccio parte da quello che si trova nel presente verso il futuro, con un’attenta valutazione di tutti gli aspetti della situazione attuale.


Spero che questo scritto ti sia stato utile. Se vuoi pormi altre domande scrivimi in privato e sarò felice di aiutarti a chiarire o approfondire questi argomenti, altrimenti ci vediamo la prossima settimana.

🌱 Valorizza te stesso e scopri il tuo pieno potenziale, prenota una prima sessione gratuita di Coaching: https://calendly.com/michele_antonini/sessione-coaching

Leggi anche

Cosa ci aiuta a crescere

Leggi tutto

Stress o malessere interiore: opzioni e soluzioni.

Leggi tutto

Sport o life coaching?

Leggi tutto